m
Attendere prego......

Ritratto di Emanuele

Emanuele

Amo leggere a voce poesie, parlare di linguistica e d'interiorità, ritrovarmi.

-

Età: 35     Genere: M
Lingue: Italiano | Inglese | Francese | Tedesco | Spagnolo
Cerco/offro: Amicizia | conoscenza reciproca | interazione per hobby, giochi, sport, viaggi ecc. | aiuto reciproco | relazione amorosa durevole
Istruzione: Dottorando
Religione: Ateo o agnostico
Tipo psicologico: Introverso
Sessualità: Eterosessuale
Membro di: Scuola Normale Superiore di Pisa, Istituto Storico Lucchese
Tempo da ultima visita: 11 mesi
Nazione: Italy   Stato/Provincia: Toscana
Città:     Codice postale:
Nome Skype: visibile solo per utenti registrati
Professione: Studente
Fumatore: No
Relazione corrente:
Convivo con:
Risposte all'autointervista: 103  
Sito web personale: visibile solo per utenti registrati
Social network: visibile solo per utenti registrati
Contatta EmanueleAggiungi Emanuele ai miei preferiti

Autointervista  

Introduzione
I miei interessi, hobby, abitudiniLinguistica, poesia, romanzi, Leopardi, Pavese, storia, biblioteche, fumetti francesi, scacchi, cruciverba senza schema, fiumi, paesi, lunghe camminate, lunghi viaggi in bicicletta (pianura s'intende)
Dettagli su cosa cerco e offroVorrei conoscere persone che mi piacerebbe conoscere; offro la mia conoscenza a chi cerca persone simili a me.
Cose che mi preoccupano per la mia vitaL'indipendenza economica in futuro (non so quale futuro, si vedrà).
Cose che mi preoccupano per la vita di tutti gli esseri umaniIl dolore e tutte le infelicità.
La mia personalità
Il mio temperamento e carattereUn introverso tipico.
Quanto sono introverso / estroversoMolto introverso e poco estroverso.
Cosa trovo di buono/bello nella vitaAlcuni sogni, l'amore, l'estate, la pioggia, la creatività (purtroppo rara), il portare a termine impegni complessi (anche questo per me è cosa rara).
Cosa trovo di cattivo/brutto nella vitaQuando viene buio presto, l'abbandono, il non aver nessuno, l'inconsapevolezza di molte persone incolte.
Quanto facilmente mi sento timidoAssai facilmente, in quasi tutti i periodi della mia vita.
Quanto è stabile il mio umoreNon è stabile.
Preferisco guidare o essere guidato?Guidare.
Quanto sono conformistaPer niente in certe cose, del tutto in altre.
Quanto sono ordinato e incline alla disciplinaMolto più della media.
Quanto è importante per me la sinceritàMolto.
Quanto sono gelosoMeno della media.
Quanto sono invidiosoTendo a invidiare.
Quanto sono arrogante o presuntuosoAbbastanza, per certi versi.
Quanto sono pigroPotrei dire «molto», ma non è pigrizia.
Quanto mi considero creativoPurtroppo la mia creatività rimane perlopiù un potenziale irrealizzato.
Quanto ho paura di morireNon molto, a tratti anche per niente; tutt'altra cosa è la paura del dolore prolungato.
Quanto sono narcisistaAbbastanza.
Le mie preferenze e i miei gusti
Cosa apprezzo di più in una personaLa buona volontà, la comprensione dei limiti, l'onesta rassegnazione.
Le mie vacanze preferite (luoghi, attività, compagnie ecc.)Quelle che non ho mai fatto.
Persone che considero come modelli da imitareMarco Travaglio, Michele Loporcaro
I miei sport praticati preferitiFitboxe, palestra, nuoto, bicicletta, scacchi.
Forme di nutrizione scelte (vegetariana, vegana, onnivora ecc.)Onnivoro (ma non cannibale, finora).
Tradizioni che non mi piaccionoLa maggioranza.
I miei comici e umoristi preferitiFederico Maria Sardelli, Corrado Guzzanti, Daniele Luttazzi (Crozza è insulso e incapace, non capisco quelli che apprezzano Crozza; aveva un senso con la Gialappa's).
Le mie fonti di informazione e giornalisti preferitiMarco Travaglio.
I miei compositori di musica classica preferitiChopin.
I miei musicisti e cantanti pop preferitiDe André, Guccini, Gaber, Gatti mézzi, Elio.
Canzoni che mi piaccionoE un giorno..., Autunno, Primavera '59, Il pensionato, Canzone quasi d'amore.
Le mie città preferiteSiena, Lucca.
I miei sentimenti
Le mie paureIl dolore prolungato e insopprimibile.
Cose che mi appassionanoL'amore, la parola, la metrica poetica, le trascrizioni fonetiche, i sistemi ortografici coerenti.
Cose che mi irritanoLe iniziative culturali finte e dannose, i premi all'ipocrisia e alla mediocrità, l'ignoranza istituzionalizzata.
Quanto sopporto la solitudine, con quale frequenza mi sento soloMi sento solo molto spesso; il grado di sopportazione è variabile.
Quanto sono selettivo nelle relazioni socialiForse troppo.
Cose che mi frustranoI tragici fallimenti sentimentali che mi porto dentro; certi miei ritardi negli studi (per la tesi di dottorato ecc.).
Cose di cui sono fieroLa mia sincerità.
Quanto facilmente mi innamoroNon è difficile.
Quanto facilmente mi arrabbioNon è facile.
Cose che mi fanno intenerireGli occhi, la fragilità, la perfetta onestà.
I miei desideri e le mie motivazioni
Quanto sono soddisfatto della vita che faccioNon abbastanza, finora.
Cose che mi sono mancateCollaborazione e condivisione.
Cose che mi piacerebbe imparareAvere sempre il pieno controllo delle mie interazioni con gli altri.
Cosa farei se avessi 100 milioni di euroMi sentirei in colpa... e poi non lo so, tante cose bellissime o forse niente (depressione da milionario?).
Cosa voglio fare prima di morireAvere qualche successo e qualche genere di notorietà (vorrei).
Sogni e passioni a cui ho rinunciatoD.
I miei rapporti sociali
Quanto sono interessato alle idee e ai sentimenti altruiDella maggior parte della gente e di quel che pensa, me ne curo pochissimo. M'interessano invece idee e sentimenti delle persone che apprezzo o che amo.
Cosa faccio per il bene comuneDico le preghiere in latino, di tanto in tanto.
La mia storia
I miei successi2002, ammissione al corso ordinario della Scuola Normale Superiore di Pisa.
2009, comincio a fare ricerca dialettologica sul campo.
2014, Chiara.
I miei insuccessiMolti, ma non definitivi (?).
I miei primi ricordiIl lettino, la scala di casa mia quando cercai di scenderla da solo... poi mia madre mi mise il ghiaccio sui bernoccoli. (Me ne ricordo un po', ma non sono sicuro che siano i primi).
Ingiustizie che ho commessoForse nessuna.
Scelte di cui mi sono pentitoLiceo scientifico invece che classico.
Persone contro cui ho combattutoBerlusconi.
Cose che ho donatoUn dizionario visuale tedesco-cinese. Un dizionario di pronuncia italiana. Le poesie di Guido Gozzano. Lo scontro quotidiano di Larcenet. S di Gipi.
Libri che mi hanno cambiato la vitaI libri di fonetica di Luciano Canepari quand'avevo vent'anni.
Errori che ho commessoLiceo scientifico invece che classico.
Le mie autovalutazioni
Quanto mi stimo, mi apprezzoFin troppo, ma a volte cambio idea per un po'.
I miei difetti e viziUccido le mosche con astio.
Quanto mi ritengo intelligenteLe mie potenzialità intellettive sono (erano) ottime.
In cosa mi ritengo non competitivo o incapaceIn molti aspetti delle relazioni sociali.
In cosa mi ritengo competitivo, capaceSono, fra l'altro, un ottimo dattilografo! E anche stenografo, ma con la stenografia (sistema Stènital Mòsciaro) ho cominciato tardi, a 25 anni.
In cosa mi sento uguale agli altriFra un secolo non ci saremo più.
Quanto mi ritengo maturoMolto in certe cose, poco in altre.
Quanto mi ritengo libero da gabbie mentaliPer niente, ma le mie gabbie sono tutte mie: mi è facile convincermi che le ho costruite io stesso.
La mia etica
La mia opinione sulla prostituzioneDovrebbe assolutamente essere controllata e regolata da leggi precise e adeguate.
La mia opinione sulla pornografiaÈ lecita.
La mia opinione sull'omosessualità e la bisessualitàEsistono da sempre e in sé sono condizioni normali: sarebbe preferibile renderle sempre più accettate, abbattendo i pregiudizi storico-sociali.
Cosa penso dell'abortoÈ lecito.
Cosa penso della guerra e del pacifismoLa guerra, che ovviamente non è affatto contro natura, è pessima cosa per l'uomo e dovrebbe essere evitata, quasi a tutti i costi.
Cosa penso dell'eutanasiaSono completamente favorevole; andrebbe legalizzata in maniera coerente e accurata.
Cosa penso della pena di morteSono tendenzialmente contrario ma potrebbe essere accettabile, soprattutto come alternativa volontaria ad altre pene onerose. (Io per me non accetterei mai una reclusione pluridecennale: molto meglio la pena di morte).
Cosa penso della poligamiaIn linea di principio va benissimo, per le persone che la accettano e la desiderano.
Le mie idee e opinioni
Il mio orientamento religiosoCredo fermamente nell'infondatezza delle religioni storiche, per quanto riguarda l'effettiva realtà dell'esistente. Comunque le religioni m'interessano dal punto di vista antropologico e più genericamente umano, non solo nel passato ma anche ai nostri giorni.
Cosa penso del matrimonioÈ bello, quando è bello (non ce ne sono molti).
Credo nel destino? Credo che tutte le cose seguano un piano predeterminato? Che nulla succede per caso?Eh, magari. «Non ha natura al seme / Dell'uom più stima o cura / Che alla formica».
Il mio orientamento politicoCentrosinistra, circa. Ultimamente ho votato il Movimento Cinque Stelle.
Chi penso sia responsabile dei mali della societàBerlusconi (risposta semiseria, ma drammatica).
Cosa penso del consumo di droghe e della loro eventuale legalizzazioneIo personalmente credo che me ne asterrò sempre, come ho fatto finora. La legalizzazione, in certe forme, pare che sia cosa buona.
Penso che senza di me la società sarebbe migliore o peggiore?Sarebbe quasi identica, dal momento che io sono poco presente nella società.
Cosa penso che un individuo possa fare per migliorare la società«Studiate, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza».
Cosa penso della masturbazioneÈ cosa normale e ha pochissime controindicazioni.
Cosa penso della psicologia, della psicoterapia, degli psicologi e degli psicoterapeutiNe ho scarsa esperienza e non ho opinioni chiare.
Le mie opinioni sull'astrologiaÈ simpatica, purché non ci si creda.
Le mie opinioni sull'esoterismo e la magiaUn po' di magia ci vorrebbe... almeno nei sogni, magari.
Le mie opinioni sulla reincarnazioneÈ un'idea fascinosa e rilassante. Benché del tutto implausibile, è più simile al vero rispetto all'idea di una vita ultraterrena (ed eterna!) in un'altra dimensione, come se la morte somigliasse a un viaggio intergalattico.
Cosa penso del libero arbitrio (una realtà o un'illusione?)Illusione.
Le mie opinioni sugli introversi e gli estroversiIntroverts do it better.
Penso che l'Uomo sia fondamentalmente buono o cattivo?Penso che la domanda sia malposta. La dimensione etica è molto influenzata dalle condizioni materiali e dalla cultura in cui si è educati: non appartiene, o appartiene solo marginalmente, al nucleo profondo dell'uomo.
Cosa penso della modaNon la percepisco e non mi riguarda.
Miscellanea
Le cose che ritengo più importanti per una vita degna di essere vissutaSentirsi abbastanza bene per buona parte del tempo.
Di quanto tempo libero dispongoMolto, purtroppo: non riesco a costringermi a una vita intensa e costante.
Alcuni libri che ho letto negli ultimi 12 mesiI diari di Anne Frank (edizione critica), Tobino, Saramago, Saba, Natalia Ginzburg, Ira Progoff, molti fumetti soprattutto francesi (romanzi grafici)
Se dovessi passare un mese in un'isola disabitata, senza comunicazioni con il mondo esterno, cosa porterei con meLa poesia di Leopardi, la prosa di Pavese, quaderni bianchi e matite.
Cosa prevedo succederà nel mondo nei prossimi trent'anniE che ne so! Dipende da noi (è una battuta).
Quanta dimestichezza ho con i computer e le tecnologieMolta, anche se per qualche aspetto tendo a non aggiornarmi.
Cosa direi a Dio se esistesseBuon per te. O anche: bel burlone che sei.
Cosa vorrei dire a tutti gli esseri umaniNiente. Non voliamo troppo in alto.
Cosa penso di questo sitoTemo che non avrà mai abbastanza utenti iscritti, perciò non sarà molto utile. Per il resto, mi parrebbe ottimo.
Domande che aggiungerei al questionarioKobluraski?